Facebook avverte che la sua criptovaluta non potrà mai essere lanciata, in definitiva

Facebook ha annullato il suo controverso divieto di pubblicità in criptovaluta, spingendo ulteriori speculazioni sul fatto che il gigante della tecnologia potrebbe pianificare qualcosa di importante nello spazio. Facebook è stato coinvolto nello studio della tecnologia blockchain dallo scorso anno, quando Morgan Beller, uno dei membri del consiglio di amministrazione, ha iniziato a ricercare piattaforme online e l’influenza della tecnologia blockchain sui loro sistemi operativi. Da allora, Facebook ha perso milioni di utenti che hanno cancellato i loro account dalle piattaforme di social media tra cui Elon Musk, CEO e volto di Tesla. Inoltre, Facebook può anche utilizzare la tecnologia blockchain per aiutarla a verificare l’identità degli account. Facebook deve ancora fornire dettagli sul lavoro preciso di divisioni o progetti speciali. Secondo il rapporto di notizie, Facebook capitalizzerà sulla criptovaluta per i pagamenti sulla piattaforma di social media. A differenza di Facebook o Twitter, un social network che opera su Ethereum non sarebbe accessibile tramite server centralizzati.

Nel telegrafare i suoi piani, Facebook ha espresso la speranza di creare le basi per un nuovo sistema finanziario non controllato dagli odierni broker di potere a Wall Street o nelle banche centrali, scrivono Mike Isaac e Nathaniel Popper del New York Times. Facebook ha un marketplace accessibile dall’app mobile, quindi si ipotizza che la criptovaluta possa essere utilizzata lì, ma in questo momento lo scopo del nuovo team è tenuto segreto. Facebook potrebbe essere un gigante tecnologico, ma per quanto riguarda le autorità monetarie globali, la Bilancia non rappresenterebbe altro che un altro obiettivo normativo, che opererebbe sotto il loro ombrello e, secondo le loro regole, non i capricci privati ​​di Mark Zuckerberg. Se Facebook entra davvero nella criptovaluta, avrà sicuramente un grande impatto all’interno e all’esterno della comunità della criptovaluta. Facebook ha anche rifiutato di commentare le voci di un’acquisizione di Coinbase o il suo interesse per la criptovaluta, con un portavoce che si riferisce invece a un post di Mark Zuckerberg pubblicato a gennaio in cui discute il potenziale delle valute decentralizzate e di altre tecnologie. Con l’incertezza delle normative e le attuali turbolenze del mercato, Facebook come il Nasdaq può attendere fino a quando il mercato matura e standard normativi meglio definiti prima di entrare nelle criptovalute.

Facebook potrebbe non essere disturbato dalla blockchain o dalla criptovaluta in passato, la creazione di una divisione separata per la blockchain mostra l’intenzione e potrebbe precedere l’annuncio della blockchain principale nel prossimo futuro. Facebook ha confermato di aver creato un team per elaborare modi per sfruttare la tecnologia blockchain. Facebook ha oltre 2 miliardi di utenti a livello globale e il lancio di criptovaluta consentirà loro di effettuare pagamenti utilizzando una valuta virtuale come Bitcoin. Nel caso in cui Mark Zuckerberg non l’abbia notato, Facebook non è proprio il marchio rispettabile di qualche anno fa e aziende come PayPal forniscono già molti dei tipi di servizi presumibilmente offerti dalla Bilancia (già operanti con sanzioni regolamentari dall’esistente autorità monetarie). Dopo che Facebook ha confermato che sta creando un nuovo gruppo Blockchain, nuovi resoconti dei media hanno affermato che il gigante dei social network sta anche esplorando la creazione della propria criptovaluta. Facebook e Amazon hanno creato i pezzi più difficili di qualsiasi attività commerciale e l’hanno costruita più grande e migliore di chiunque altro nella storia dell’industria globale, e questa è la distribuzione.